FESTIVAL

LABORATORI

MEME 2022

teatro | cinema | illustrazione | incontri | laboratori

Evento organizzato da: Menoventi - E Production
con il sostegno di: Comune di Faenza - Unione della Romagna Faentina, Regione Emilia Romagna
main partner: Gruppo Hera
in collaborazione con: Accademia Perduta Romagna Teatri – Museo Carlo Zauli – Fatti d’Arte – Teatro Due Mondi – 30F&A – Cinema Moderno – Arpad Weisz Club Cosmopolita
un ringraziamento a Libreria Moby Dick, Andrea Montesi, Antonella Sangiorgi
foto Antonio Cordes
grafica Paolo Banzola 

Quando si ama intensamente qualcosa, il desiderio di condividere con altre persone la nostra passione diventa impellente. Questo è lo spirito che attraversa le opere dell’edizione di MEME 2022/2023.

Quanta dedizione, persuasione, luce, generosità e fatica mette in campo un artista nell’atto creativo, così come un atleta nella pratica sportiva e chiunque cerca di superare i propri limiti inseguendo un attimo sublime.

Anche vivere l’esperienza artistica assumendo il ruolo dello spettatore è un’avventura che richiede sempre un po’ di coraggio, tanta curiosità e poca pigrizia.

Andare a teatro è come affacciarsi sul ciglio di un pozzo, guardare l’immensità del cielo, abbracciare il panorama da un’altura: la contemplazione può indurre vertigine ed estasi.

PROGRAMMA

13 Settembre | TEATRO
Roberto Magnani / Teatro delle Albe
Odiséa
lettura selvatica

Torre del Marino
via Torre del Marino 45, Brisighella

ore 19
ingresso 5€
in collaborazione con Festival dei calanchi e delle argille azzurre

di Tonino Guerra
con Roberto Magnani
musiche Giacomo Piermatti
cura Marco Martinelli
produzione Teatro delle Albe / Ravenna Teatro

L'idea di lavorare su l'Odiséa di Tonino Guerra è nata dall'esigenza di un esercizio quotidiano con la poesia e dalla voglia di affinare l'uso del dialetto come 'lingua di scena'. Il dialetto come lingua incarnata, un pozzo da cui attingere visioni e immaginario, un contatto con i fantasmi dei nostri antenati.

Abbiamo mantenuto le caratteristiche di una lettura, dunque la convenzione che si stipula con lo spettatore è chiara: c'è un leggio, e l'attore legge facendosi voce narrante, impersonando di volta in volta la voce del narratore, del protagonista e di tutti i personaggi che Ulisse incontra lungo il viaggio.

Per questa particolarissima e unica versione sui calanchi faentini ad affiancare Magnani ci sarà Giacomo Piermatti, raffinato contrabbassista già suo complice di altre “avventure marine” in teatro.

5 Ottobre | CORTOMETRAGGIO
Dinosauri 

Cinema Moderno
via Morini 24, Castel Bolognese
ore 21
ingresso gratuito

in collaborazione con Festival dei calanchi e delle argille azzurre
soggetto Massimo Solaroli, Andrea Zauli, Matteo Zauli
fotografia e montaggio Riccardo Calamandrei
regia Gianni Farina

Questo cortometraggio è una delle azioni culturali che fanno parte di un progetto interdisciplinare di valorizzazione, conoscenza e mediazione culturale dedicato ai calanchi della Romagna faentina.

Un progetto che si propone di portare all’istituzione di un vero e proprio Parco Culturale, il Parco Culturale dell’Olmatello e delle Argille Azzurre, che comprenderà una mostra di arti visive, un laboratorio ceramico, uno letterario, una pubblicazione e una serie di trekking culturali.

Ogni scena del corto, dietro la sua apparenza scanzonata, cela un riferimento culturale al territorio.

A seguire incontro con gli autori.

14 Ottobre | TEATRO
Menoventi / Le Città Visibili
Entertainment
Una commedia in cui tutto è possibile

Casa del Teatro
via Guglielmo Oberdan 7, Faenza
ore 21
ingresso 10€

di Ivan Vyrypaev
con Tamara Balducci e Francesco Pennacchia
regia Gianni Farina
produzione Le Città Visibili / E production / Menoventi

«Ora non vedo più né Steven né Margot, vedo solo due attori che limonano davanti a tutti»

Una donna e un uomo vanno a teatro per assistere a uno spettacolo che li porta a interrogarsi sull’intima natura dell’intrattenimento. Spettatori attenti e curiosi, condividono le loro intuizioni sulle regole della finzione teatrale, senza riuscire a individuare un netto confine tra l’attore e il personaggio.

«Si può amare qualcuno che non c’è?»

Reiterando questa domanda, il testo di Vyrypaev ci accompagna ai confini della rappresentazione; Entertainment indica un meridiano non segnato sulla carta della realtà, un ambiente in cui attori, spettatori e personaggi innescano un cortocircuito che confonde i ruoli: «senza di te io non esisto».

28 Ottobre - 12 Novembre | ILLUSTRAZIONE
Mara Cerri
L’amica geniale

Museo Carlo Zauli
via della Croce 6, Faenza
ore 18
ingresso gratuito nel giorno dell’inaugurazione*
all’interno del progetto 30F&A!

I disegni originali della graphic novel sull’Amica geniale di Elena Ferrante, pubblicata a maggio 2021 da Coconino Press / Fandango, in mostra al Museo Carlo Zauli.

Vernissage e incontro con l’illustratrice Mara Cerri e con Chiara Lagani, sceneggiatrice dell’unico fumetto dedicato al capolavoro ferrantiano.

*Per visitare la mostra L’amica geniale:
il Museo Carlo Zauli è aperto martedì e giovedì dalle 14:00 alle 17:00, mercoledì, venerdì e sabato dalle 10:00 alle 13:00. Chiusura per festività 1 e 2 Novembre, ingresso al Museo 6€ comprensivo della visita alla collezione permanente.

28 Ottobre | TEATRO
Fanny & Alexander
L’amica geniale a fumetti

Teatro Masini
piazza Nenni 3, Faenza
ore 21
ingresso 10€**
in collaborazione con Accademia Perduta
all’interno del progetto 30F&A!

Un recital tratto dalla graphic novel di Mara Cerri e Chiara Lagani (Coconino Press)
su L’amica Geniale di Elena Ferrante (Edizioni E/O)
di e con Chiara Lagani
disegni Mara Cerri
regia, animazioni video, musiche Luigi De Angelis
cura del suono e supervisione tecnica Vincenzo Scorza
Produzione E Production / Fanny & Alexander

La storia intensa e commovente del legame tra Lila e Lenù, nato dal prendersi per mano per trovare il coraggio di affrontare l’orco della loro infanzia, sullo sfondo di una città/mondo dilaniata dalle contraddizioni del passato, del presente e di un futuro dai confini feroci.

Il recital tratto dall'unico fumetto ufficiale de L'amica geniale di Elena Ferrante – sceneggiato da Chiara Lagani che qui ne interpreta i testi, mentre il pubblico viene immerso nei disegni di Mara Cerri.

**Per l’acquisto dei biglietti del recital L’amica geniale a fumetti rivolgersi ad Accademia Perduta;

di seguito le informazioni relative a questo singolo evento:
Biglietti interi € 10, ridotti (fino ai 29 anni) € 5
acquistabili in biglietteria dal 15 ottobre (ore 10/13 e 16/18) e dal 27/10
Prenotazioni telefoniche (0546 21306) da lunedì 17/10 dalle 11 alle 13 (lun/ven)
Online (www.vivaticket.it) dal 16/10

4 Novembre | TEATRO
Menoventi
Lei conosce Arpad Weisz?

Teatro Sala Fellini
piazza Santa Maria Foris Portam 2, Faenza
ore 21
ingresso 10€

Reading tratto da Dallo scudetto ad Auschwitz di Matteo Marani
con Consuelo Battiston e Beatrice Cevolani
riduzione del testo, regia e progetto sonoro Gianni Farina
da una idea di Elena Di Gioia
in collaborazione con Liberty / Stagione Agorà
produzione E Production / Menoventi

La storia di Arpad Weisz è urticante e meravigliosa, in essa convivono l’entusiasmo per un allenatore che ha rivoluzionato “Il giuoco del calcio” e il fastidio destato dal contegno degli italiani e degli europei di fronte allo strisciante antisemitismo che stava ammorbando il continente.

L’inesorabile palleggio tra il campo da calcio e il campo di sterminio riverbera nel progetto sonoro del reading che, congiuntamente al testo, reinventa ambienti e vibrazioni per restituire una storia che un silenzio di settant’anni non è riuscito a cancellare.

A seguire incontro in collaborazione con il Club Cosmopolita Arpad Weisz.

11 Novembre | TEATRO
Ultimi Fuochi Teatro
Costruzioni

Casa del Teatro
via Guglielmo Oberdan 7, Faenza
ore 21
ingresso 10€
in collaborazione con Teatro Due Mondi

Uno studio sull’opera di Tommaso Landolfi
di Alessandra Crocco e Alessandro Miele
con Alessandra Crocco
suono Shari DeLorian
foto Gabriele Albergo
regia Alessandro Miele
produzione Ultimi Fuochi Teatro

Dalle opere di Tommaso Landolfi vengono estratti alcuni  nuclei, cuore di senso, di atmosfera. La drammaturgia procede per frammenti conducendo lo spettatore da un punto all’altro dell’universo landolfiano come se fosse trascinato da violente raffiche di vento. Ci si muove in un labirinto di specchi deformanti, un luogo misterioso che forse è proprio la mente dello scrittore.

“È una febbre, un delirio. Che cosa? La vita (...) accenna talvolta ad alcunché di filato, sembra proporre uno svolgimento e una conseguenza, ma sono momenti. (...) No, la vera immagine della vita è questa che della mia mi giunge a raffiche dalle quali sarebbe difficile, vano, cavare od astrarre un’alleanza, una parentela, e le quali sarebbe vano voler comporre in un unico vento” (Tommaso Landolfi).

INFORMAZIONI

BIGLIETTERIA

  • Biglietto intero 10€
  • Online dall’8 Ottobre su: dice.fm
  • Nello spazio dello spettacolo un’ora prima dell’inizio.

Riduzioni biglietti

  • € 5 per under 29, over 65 e dipendenti HERA;
  • € 3 per i giovani che hanno partecipato ai lavori in Unione.

CONTATTI

349.7629249 / 349.5824266

organizzazione@e-production.org

CONDIVIDI