FESTIVAL

LABORATORI

MEME 2013

TRE CORTI

MEME, progetto formativo sulle arti sceniche, si conclude con un evento performativo che vedrà in scena i partecipanti dei tre laboratori di teatro, danza e performance, curati da Menoventi, gruppo nanou e In_Ocula.

Tre corti, tre sguardi differenti, tre processi creativi e linguistici diversi che accompagnano chi agisce e chi guarda in una visione poliedrica delle possibilità dello stare in scena.

Con
Samuela Bacchereti, Silvia Bandini, Paolo Banzola, Laura Bulzaga, Bianca Maria Canepa, Cristina Casadei, Maria Primavera Contu, Cristina D’Alberto, Ana Vilela Da Costa, Irene Dal Pozzo, Balint Fenyvesi, Giorgio Folpini, Fabrizia Frizzo, Isabella Giorgio, Nicoletta Gobbi, Silvia Leoni, Neera Pieri, Christian Rondoni, Maria Rossini, Antonella Sangiorgi, Barbara Sangiorgi, Maria Scolaro, Emanuele Tontini, Gemma Volonakis, Tania Zoffoli

DETTAGLIO LABORATORI
1/3 e 8/10 febbraio
Menoventi
ESERCIZI DI STILE

Il gioco con le convenzioni del teatro e con gli strumenti propri dell’attore saranno i punti di appoggio per una ricerca che intende portare in luce il lavoro sotterraneo dello stare in scena, ribaltando e mescolando diverse modalità di rappresentazione.
Un mutamento continuo di tecniche volto alla ricerca di nuove prospettive dello sguardo, seguendo l’esempio illustre di Queneau, in cui il divertissement formale si trasforma e si estende fino a mettere in discussione – grazie alla pura forza del linguaggio – l’artificio della realtà.

1/3 e 8/10 marzo
gruppo nanou
DANCING HALL project

Utilizzando elementi dello stretching e posture dello yoga, si affronteràun training comune basato su un lavoro dinamico sulle articolazioni, sulla loro complessità di connessioni e sulla possibilità di capovolgimento del corpo.Dagli elementi del training iniziale si svilupperà un lavoro di improvvisazione, dislocando il movimento articolare nello spazio per tracciare percorsi e traiettorie prestabilite alla continua ricerca di un “accordo” / sincronia temporale, che conduca alla creazione di un paesaggio coreografico ripetibile.

22/24 marzo e 5/7 aprile
In_Ocula
RE-EXISTENCE

Re-existence è il tema chiave del percorso: è ri-esistenza, la capacità del performer di mettersi in gioco generando una nuova identità reiterata nello spazio e nel tempo, ma èanche resistenza, azione concreta grazie alla quale egli re-agisce ed agisce direttamente sulla realtà che lo circonda.
A partire dagli elementi base della performing art (lo spazio e il corpo), si procederà alla creazione di un atto performativo live, all’interno del quale il performer si pone dinanzi al pubblico in una condizione di massima sincerità possibile, per generare uno spiazzamento e una presa di coscienza nello spettatore.

CONDIVIDI